Cure Domiciliari: come raggiungere gli obiettivi posti dal PNRR?

Data pubblicazione: martedì, 30/11/2021

Si fa un gran parlare a livello nazionale di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), della necessità di rivedere i modelli di erogazione delle Cure Domiciliari per persone con bisogni particolari, definite Fragili e anche di incremento delle risorse umane necessarie (con le difficoltà che questo comporta). Avrete sicuramente sentito parlare nei telegiornali nazionali o letto su Internet degli Infermieri di comunità, di Centrali Operative Territoriali e della discussione sul ruolo e tipologia di contratto per i Medici di Medicina Generale (ammesso che riusciamo a reperirne abbastanza visto che al momento ci sono difficoltà a sostituire chi va in pensione). 
Se vi interessa l’argomento e volete fare un approfondimento, vi consigliamo di guardare questo video in cui il Dr. Massimo De Fino, Direttore Generale USL Umbria 2 , al congresso di Italia Longeva, l’Associazione nazionale per l’invecchiamento e la longevità attiva, istituita nel 2011 dal Ministero della Salute, con la Regione Marche e l’INRCA-IRCCS di Ancona, ci spiega come pensa di sviluppare il lavoro nel suo territorio per rendere operativi gli obiettivi del PNRR e di Agenas.